Stampa  English version
Home > 43. Autunno Musicale a Como 2009 - Musica Sacra > Omaggio a Thomas Becket > una santa mandibola contesa...

"una santa mandibola contesa..."

UNA SANTA MANDIBOLA CONTESA …

Tra i più pregevoli oggetti di culto conservati nella basilica di San Giorgio figura un reliquario di notevole valore artistico, risalente alla fine del XVII secolo e realizzato in argento, velluto e cristalli; in esso è conservata la mandibola di San Tommaso Becket, Arcivescovo di Canterbury, ucciso il 29 dicembre 1170 mentre celebrava la Messa, per ordine del re Enrico II d’Inghilterra, alle cui velleità di controllo sul clero Tommaso aveva opposto una strenua difesa della libertà della Chiesa.

Ma perché la reliquia di un martire inglese è custodita a Como?

Testimonianze del culto tributato al Santo vescovo di Canterbury si trovano in tutta Italia, da nord a sud, in particolare lungo le strade percorse dai pellegrini in viaggio verso Roma o verso la Terra Santa, quali la “Via Francigena del sud”, come è emerso anche da studi condotti sull’argomento dalla associazione cittadina “lubilantes”. Sembra che fosse molto venerato nella nostra città, dove, nel XIV secolo, il 29 dicembre, memoria liturgica del santo, era giornata di festa sia religiosa che civile; un altare gli era stato eretto in Cattedrale.

La figura di San Tommaso Becket, in territorio comasco, era legata soprattutto all’attività ospedaliera: non a caso, il più antico “hospitalium” cittadino, preposto tra l’altro all’accoglienza dei pellegrini e dei viaggiatori, era dedicato a lui. Anche alla nostra parrocchia, almeno dal 1293, era annesso un ospedale, particolarmente attivo come brefotrofio, gestito dalla confraternita (o schola) laica di Sant’Eutichio, ricca ed influente, che controllava tutte le attività del Borgo Vico ed in particolare quelle concernenti il culto e l’aiuto ai poveri e agli ammalati; ancora nel Seicento, quando ormai l’ospedale era stato soppresso, la confraternita manteneva viva, attraverso il culto della reliquia, alla quale erano associati efficaci poteri curativi contro il mal di denti, la tradizionale connessione del vescovo inglese con la sfera medica ed assistenziale.


(Testo di Claudia Gandini – tratto dal Foglio informativo della Parrocchia San Giorgio in Como)