Stampa  English version
Home > Archivio > Culture dei Mari > Viaggio della Fede: Manoscritti ebraici scampati al rogo

2006 - "Culture dei Mari"

Viaggio della Fede: Manoscritti ebraici scampati al rogo

Manoscritti ebraici scampati dal rogo

Frammenti dalla "Geniząh italiana"

Luogo di svolgimento:
Bologna
Date: 2-14 aprile 2000

Istituzioni proponenti: Euro-Mediterraneo Culture dei Mari
Con il patrocinio e il sostegno di: Comune di Bologna, Bologna 2000 Cittą europea della cultura, Ministero per i Beni e le Attivitą Culturali - Dipartimento dello Spettacolo - Ufficio Centrale per i Beni Librari, le Istituzioni Culturali e l'Editoria, Fondazione Museo Ebraico di Bologna, Universitą di Bologna - Dipartimento e Facoltą di Conservazione dei Beni Culturali, Centro Interdipartimentale di Studi sull'Ebraismo e il Cristianesimo e di Scienze delle Religioni, Unione delle Comunitą Ebraiche Italiane, Associazione Italiana per lo Studio del Giudaismo

Mostra
A cura di Mauro Perani
BOLOGNA, Palazzo dei Notai, 2-14 aprile
Biblioteca Nazionale, dal 12 dicembre 1999 al 12 gennaio 2000
vengono presentati per la prima volta a Bologna gli importanti fogli di manoscritti ebraici medievali e rinascimentali, rinvenuti negli archivi di Bologna, Modena, Bazzano e Nonantola. Scampati dai roghi e riciclati nel Cinque e Seicento come legature di registri notarili, sono stati recentemente scoperti, restaurati e catalogati, e ci hanno restituito, fra l'altro, parti di opere rare o sconosciute.
Per analogia con il luogo in cui la normativa religiosa ebraica prescrive di riporre i libri sacri deteriorati dall'uso o superati, per evitare la profanazione del nome divino e della lingua santa, chiamato Gheniząh, anche gli archivi della nostra penisola sono stati definiti la "Gheniząh italiana".
Il progetto di censimento e catalogazione avviato in Italia nel 1981 č riuscito a ricomporre parzialmente migliaia di tessere di quello che fu il patrimonio librario dei manoscritti ebraici tardo-medievali e rinascimentali andati soggetti a questa sorte, che č stata, al tempo stesso, la loro distruzione e la loro preservazione.