Stampa  English version
Home > Archivio > Patrimonio e Memoria > Viaggio della Fede: Cirillo e Metodio

1999 - "Patrimonio e Memoria "

Viaggio della Fede: Cirillo e Metodio

Cirillo e Metodio

viaggio della fede cristiana dal Mediterraneoall'Europa centrale e orientale

Luoghi di svolgimento: Corno, Roma, Zagabria
Date: 21 settembre, 30 novembre, 3 dicembre 1999

Istituzioni proponenti: Comitato Lombardia Europa Musica
Con il patrocinio e il sostegno di: Ministero degli Affari Esteri - Direzione delle Relazioni Culturali, Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dipartimento dello Spettacolo - Ufficio Centrale per i Beni Librari, le Istituzioni Culturali e l'Editoria, Regione Lombardia, Ministero della Cultura Croato, Città di Zagabria, Euro-Mediterraneo Culture dei Mari, Comitato Cultura Mediterranea della Croazia

Cirillo e Metodio
Drammaturgia musicale
TESTI:
tratti da antiche fonti in glagolitico e croato antico sulle storie di Cirillo e Metodio
MUSICHE:
tratte da antiche fonti croate, ungheresi, morave, italiane

Programma:
COMO, Basilica di San Fedele, 21 settembre
Interpreti:
Franco Olivero, Roberto Accomero, Piero Marcelli;
Bomus Consort, Voces Aequales, Ensemble Calixtinus

ROMA, 30 novembre
Omaggio a Cirillo, sepolto nella Basilica di S. Clemente

ZAGABRIA, Cattedrale, 3 dicembre
Interpreti:
Marina Kostelac, Sarah Paoletti, Dalibor Satalic, Bozidar Smiljanic, Davor Svedruzic;
Nova Schola Gregoriana di Verona; Voces Aequales di Budapest; Kvintema di Cesky Krumlov (Repubblica Ceca), Petra Gligora e Tonika Datkovic dell'Isola di Pag (Croazia)
Regia: Elisabetta Brusa


Venerati come gli "Apostoli degli Slavi", i due fratelli Cirillo e Metodio sono morti rispettivamente nell'869 e nel1'885. Cirillo, battezzato Costantino, era un sacerdote secolare; Metodio, monaco in un monastero greco. Nell'863 cominciarono a evangelizzare la Moravia, ma incontrarono l'opposizione deimissionari tedeschi e si recarono a Roma per chiedere la benedizione apostolica per la loro attività. In quell'occasione Cirillo entrò nel Monastero dei SS. Bonifacio e Alessio, dove poco dopo morì.
Metodio fu ordinato vescovo e tornò a predicare in Moravia e in Pannonia, con il permesso di celebrare la liturgia in lingua slava.
Questa concessione spinse i vescovi tedeschi a ostacolare il suo lavoro, e a metterlo addirittura in prigione; il suo apostolato, tuttavia, ebbe un notevole successo.
Metodio tradusse in lingua slava la maggior parte della Bibbia. Il 31 dicembre 1980 ambedue sono stati proclamati da papa Giovanni Paolo II compatroni d'Europa, insieme a San Benedetto,