Stampa  English version
Home > Archivio > 31. Autunno Musicale 1997 > Omaggio a Sant' Ambrogio

"Omaggio a Sant' Ambrogio"

II suono della tua voce squillante è il titolo che più ci è parso indicato per questa Sacra Rappresentazione dedicata alla memoria della figura e dell'opera del grande vescovo Ambrogio.
. Un titolo particolarmente significativo, per noi che abbiamo voluto cogliere l'occasione di riproporre al pubblico della Sua città la splendida produzione innografica del Santo, sulla cui bellezza si favoleggiava già allora: "Dicono che il popolo è stato abbindolato anche dall'incantesimo dei miei inni", ebbe a scrivere Egli stesso in un' occasione.
È ovvio che una selezione si è imposta. Dalla vasta produzione ambrosiana si può attingere molto. Noi abbiamo pensato di offrire agli spettatori l'innodia celebrante i misteri della vita di Cristo e i momenti della preghiera dell'Uomo. Ecco, quindi, la ragione della bipartizione della manifestazione: Dies Domini, il gior-no del Signore, e Dies Hominis, il giorno dell'Uomo.
Un altro sigillo, però, abbiamo voluto imprimere alla scansione dei momenti della rappresentazione, un sigillo formale solo in apparenza, e anzi dalla fortissima carica simbolica. Come sfuggire, infatti, alla tentazione di dare alla celebrazione almeno un segno tangibile di quel dogma trinitario alla cui difesa Sant' Ambrogio dedicò tanta parte delle proprie energie? Come non cogliere l'occasione suggestiva di tentare di dare unità allo spettacolo con la ternaria simmetria delle sue componenti?
Abbiamo voluto tentare.
Tre sono i misteri della vita di Cristo che scandiscono il Dies Domini: la manifestazione, la morte e la resurrezione.
Tre sono i momenti principali della giornata dell'Uomo, scanditi dalle lodi del mattino, del mezzogiorno e della sera.
Tre sono i cori di canto ambrosiano (alle origini del quale ci riporta il repertorio greco-bizantino dei due cori lucani, aggiunta proprio per questo assai significativa), tre i lettori, tre i gruppi strumentali.
Tre, infine, i momenti esemplari della vita del Santo, indomito guerriero contro gli eretici, autorevole difensore dell'autonomia della Chiesa dalle pretese imperiali, affettuoso fratello nella manifestazione dei propri intimi sentimenti

Il suono della tua voce squillante
Dies Domini - Dies Hominis

con la partecipazione dei
Cori di canto ambrosiano
Nova Schola Gregoriana di Verona
Voce solista Alessio Randon

In Dulci Jubilo
Voce solista Letizia Butterin

Aurora Surgit
Voce solista Micaela Borghetto

Direttore Alberto Turco
Cori di canto greco-ortodosso
Gruppi vocali di San Costantino e San Paolo Albanese (Basilicata)

Coro di percussioni Naqqara
Maurizio Ben Omar, Riccardo Balbinutti, Matteo Moretti

Coro di voci recitanti
Diego Gaffuri, Antonio Zanoletti, Davide Dall'Osso
coordinato da Sandro Invidia

ideato e diretto da Italo G6mez
drammaturgia e scelta dei testi Felice Rainoldi, Alberto Turco
light designer Fabio Barettin
movimenti scenici Bepi Morassi
produzione Piera Rossi